Sempre meno nascite, l’allarme di Sigo

Sempre meno nascite, l’allarme di Sigo

Sono diverse le cause che, sommandosi, contribuiscono al crollo delle nascite in Italia: “Si va dall’innalzamento dell’età in cui le coppie decidono di avere un figlio, alla mancanza di politiche a sostegno della maternità, a un modello socioculturale che impone alla donna, se vuole perseguire i suoi obbiettivi di realizzazione personale, di posporre il suo desiderio di gravidanza, situazione che riduce in maniera significativa la possibilità di avere un figlio ed esclude inevitabilmente l’ipotesi di un secondo”.

Ad affermarlo è Nicola Colacurci, professore ordinario di Ginecologia presso l’Università della Campania Luigi Vanvitelli, nonché presidente della SIGO, Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, che ha organizzato nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 settembre l’iniziativa: ‘Natalità: quale futuro?’. L’evento, che si svolgerà a Napoli, nella centralissima piazza Plebiscito prevede screening clinici sulla coppia con valutazione del potenziale riproduttivo di entrambi i partners, box informativi cui rivolgersi per avere chiarimenti circa tutte le tematiche relative la riproduzione, l’avvio di campagne di sensibilizzazione al sostegno alla maternità, oltre a dibattiti e incontri con numerosi esperti.

“Siamo davanti a una situazione molto complessa- continua Colacurci- in cui le donne che si rivolgono a noi per un aiuto a diventare madri hanno un’età sempre più elevata che spesso supera abbondantemente i 37 anni, momento in cui sappiamo che la capacità riproduttiva femminile va via via diminuendo.

L’età media delle prime gravidanze si è significativamente elevata negli ultimi due decenni, e sono moltissime coloro che rinviano il momento della maternità anche oltre i 40, spesso fuorviate anche dai mass media che enfatizzano le storie di personaggi famosi che diventano genitori intorno ai 50 anni e che fanno apparire una maternità a quell’età come facile, sicura e accessibile a chiunque in qualunque momento”.

Fonte dire