In Italia difficile anche per i laureati trovare lavoro

In Italia difficile anche per i laureati trovare lavoro

Nonostante il premio occupazionale dovuto all’istruzione, in Italia il tasso di occupazione resta inferiore alla media europea anche tra i laureati (80,8% tra i 25 e i 64 anni contro 85,5% dell’Ue27) oltre che tra i diplomati (70,5% contro 75,7%).

Il divario con l’Europa nei tassi di occupazione si amplia tra le giovani generazioni – per tutti i livelli di istruzione – e diventa massimo per chi è appena uscito dal percorso formativo e si trova nella fase di primo ingresso nel mercato del lavoro.

Il differenziale di genere resta importante tra i laureati, nonostante si riduca all’aumentare del titolo di studio.

Il problema occupazione in Italia non è certamente una novità ma incapacità di creare lavoro e l’ impossibilità di avviare un percorso lavorativo autonomo allontana sempre di più i giovani che invece negli ultimi anni stanno cercando in qualche modo di restare.