Episodi di criminalità a Roseto Capo Spulico (CS): la sindaca scrive al Prefetto di Cosenza

Episodi di criminalità a Roseto Capo Spulico (CS): la sindaca scrive al Prefetto di Cosenza

Gli incresciosi episodi registrati nell’Alto Ionio Cosentino in questi ultimi periodi stanno  creando non poca preoccupazione nelle Comunità del territorio. L’incendio doloso ai danni di una ditta impegnata nei lavori del Terzo Megalotto della SS106 RosetoSibari – che ha causato danni per circa 300.000 euro agli imprenditori della ditta  Laino – ha allertato la popolazione e le Istituzioni circa il pericolo di tentativi di infiltrazioni criminose in un lembo di Calabria notoriamente lontano da queste dinamiche.

Sempre in quest’ultimo periodo si sono verificati alcuni episodi incendiari di natura dolosa  ad alcuni veicoli nel territorio di Trebisacce, che, nonostante la probabile diversa matrice, hanno alimentato un clima di apprensione nei Cittadini. Alla luce di questi episodi, il Sindaco di Roseto Capo Spulico Rosanna Mazzia, nei giorni scorsi ha interpellato con una missiva il Prefetto di Cosenza,  Vittoria Ciaramella, affinchè si valuti la possibile convocazione del Comitato per la Sicurezza e l’Ordine Pubblico nell’Alto Ionio Cosentino.

“Sono fortemente convinta che lo Stato e le Istituzioni che lo rappresentano sapranno rimarcare la propria presenza sul Territorio e rispondere con forza a questi atti criminosi. L’Alto Ionio è un territorio fatto di gente onesta e laboriosa, che nulla ha a  che fare con tale mentalità. Tenere lontani gli eventuali tentativi di infiltrazione criminosa su questo territorio e su questa grande opera che sta nascendo è il primo obiettivo da raggiungere per garantire ai Cittadini sicurezza e legalità.”