Cosenza, una giornata artistico musicale per diffondere la cultura della donazione

Cosenza, una giornata artistico musicale per diffondere la cultura della donazione

Rosso vita 2022: sabato 12 febbraio, in Piazza Carratelli, la maratona artistico-musicale per diffondere la cultura della donazione del sangue e del midollo osseo

 Il Sindaco Franz Caruso prenderà parte, nella mattinata di sabato 12 febbraio, alla terza edizione di Rosso Vita”, la giornata di promozione per la donazione del sangue e del midollo osseo promossa dall’Associazione Culturale Martirano e dalla APDEM Onlus (Paolo De Benedittis ed Ercole Martirano Onlus) con il patrocinio del Comune di Cosenza e la collaborazione dell’Azienda Ospedaliera. Quest’anno la manifestazione si svolgerà in Piazza Carratelli, nel primo tratto dell’isola pedonale di Corso Mazzini, a partire dalle ore 9,00 e andrà avanti fino alle ore 16,00. “Rosso Vita” è dedicata a Giorgio Cittadino, marito della cantante Rosa Martirano (tra le promotrici dell’iniziativa) affetto da mieloma multiplo e prematuramente scomparso nel giorno del suo compleanno, il 12 luglio del 2019. Attorno a Rosso Vita si è sviluppata sin dalla prima edizione una diffusa coralità che ha coinvolto buona parte del mondo dell’associazionismo cosentino. Una vera gara di generosità, a favore della cultura della donazione. Ed anche quest’anno le premesse per ripetere questo piccolo miracolo ci sono tutte.

“La giornata “ROSSO VITA” – spiega Rosa Martirano – si articolerà in una vera e propria maratona artistico-musicale e sarà ricca di testimonianze e interventi di sensibilizzazione sul tema della donazione del sangue e del midollo osseo, grazie ai numerosi artisti, sportivi, attori, donatori, associazioni culturali, di volontariato e club service, che supportano l’evento senza fini di lucro e senza raccolta fondi”. All’iniziativa parteciperanno il Prof. Francesco Zinno (primario dell’Unità Operativa Complessa-Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza), la dott.ssa Aurelia Costabile (Dirigente medico, responsabile dell’Area Donatori) e tutto il personale infermieristico e non che testimonieranno con la loro presenza l’importanza della donazione. A questo proposito il prof.Zinno ha sottolineato che “la donazione del sangue è necessaria affinché tutta la sanità possa beneficiarne in termini di efficacia, perché senza la disponibilità del sangue, quasi tutte le attività che si svolgono in un grande Ospedale come quello di Cosenza rischiano di non poter essere svolte al meglio.

Da precisare, inoltre, che anche in relazione alla pandemia, né verso il ricevente, né verso il donatore, si possono correre rischi di trasmissione del virus”. I medici del centro trasfusionale dell’Ospedale dell’Annunziata hanno inciso per “Rosso Vita” una versione del celebre brano “Pregherò”. Un testo riadattato alla causa della donazione e che ha assunto il titolo di “Donerò”. Il primario, prof.Zinno intonerà la prima strofa alla quale faranno seguito tutti gli altri medici del centro. La performance, registrata al Centro trasfusionale, è contenuta in un videoclip che sarà diffuso sui social. Preziosissima, inoltre, la collaborazione dell’Arma dei Carabinieri, considerata anche la vicinanza al luogo dell’iniziativa della Caserma “Paolo Grippo” e la costante partecipazione dell’Arma alle nobili cause sociali ed umanitarie. In apertura e in chiusura della manifestazione alcuni sacerdoti benediranno la maratona col pensiero rivolto a chi è in attesa di una donazione per tornare a vivere una vita normale.

.Paolo De Benedittis ed Ercole Martirano Onlus) con il patrocinio del Comune di Cosenza e la collaborazione dell’Azienda Ospedaliera. Quest’anno la manifestazione si svolgerà in Piazza Carratelli, nel primo tratto dell’isola pedonale di Corso Mazzini, a partire dalle ore 9,00 e andrà avanti fino alle ore 16,00. “Rosso Vita” è dedicata a Giorgio Cittadino, marito della cantante Rosa Martirano (tra le promotrici dell’iniziativa) affetto da mieloma multiplo e prematuramente scomparso nel giorno del suo compleanno, il 12 luglio del 2019. Attorno a Rosso Vita si è sviluppata sin dalla prima edizione una diffusa coralità che ha coinvolto buona parte del mondo dell’associazionismo cosentino. Una vera gara di generosità, a favore della cultura della donazione. Ed anche quest’anno le premesse per ripetere questo piccolo miracolo ci sono tutte.

“La giornata “ROSSO VITA” – spiega Rosa Martirano – si articolerà in una vera e propria maratona artistico-musicale e sarà ricca di testimonianze e interventi di sensibilizzazione sul tema della donazione del sangue e del midollo osseo, grazie ai numerosi artisti, sportivi, attori, donatori, associazioni culturali, di volontariato e club service, che supportano l’evento senza fini di lucro e senza raccolta fondi”. All’iniziativa parteciperanno il Prof. Francesco Zinno (primario dell’Unità Operativa Complessa-Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza), la dott.ssa Aurelia Costabile (Dirigente medico, responsabile dell’Area Donatori) e tutto il personale infermieristico e non che testimonieranno con la loro presenza l’importanza della donazione. A questo proposito il prof.Zinno ha sottolineato che “la donazione del sangue è necessaria affinché tutta la sanità possa beneficiarne in termini di efficacia, perché senza la disponibilità del sangue, quasi tutte le attività che si svolgono in un grande Ospedale come quello di Cosenza rischiano di non poter essere svolte al meglio. Da precisare, inoltre, che anche in relazione alla pandemia, né verso il ricevente, né verso il donatore, si possono correre rischi di trasmissione del virus”. I medici del centro trasfusionale dell’Ospedale dell’Annunziata hanno inciso per “Rosso Vita” una versione del celebre brano “Pregherò”.

Un testo riadattato alla causa della donazione e che ha assunto il titolo di “Donerò”. Il primario, prof.Zinno intonerà la prima strofa alla quale faranno seguito tutti gli altri medici del centro. La performance, registrata al Centro trasfusionale, è contenuta in un videoclip che sarà diffuso sui social. Preziosissima, inoltre, la collaborazione dell’Arma dei Carabinieri, considerata anche la vicinanza al luogo dell’iniziativa della Caserma “Paolo Grippo” e la costante partecipazione dell’Arma alle nobili cause sociali ed umanitarie. In apertura e in chiusura della manifestazione alcuni sacerdoti benediranno la maratona col pensiero rivolto a chi è in attesa di una donazione per tornare a vivere una vita normale.

.