Cosenza, l’Italia del Meridione (IdM) rinnova i vertici della Direzione e della Segreteria provinciale

Cosenza, l’Italia del Meridione (IdM) rinnova i vertici della Direzione e della Segreteria provinciale

Cosenza – L’Italia del Meridione è riuscita negli anni ad imporsi come forza politica, muovendosi nel contesto regionale da protagonista e partecipando in prima linea a tutti gli appuntamenti elettorali, dalle elezioni regionali alle provinciali, passando per le amministrative. In ogni contesto istituzionale è stato rimarcato il valore e l’azione del Movimento che oggi si proietta al nazionale e mette radici oltreoceano. Da qui l’esigenza di rivedere, con l’entrata anche di nuove e importanti figure, la propria struttura e l’organigramma della direzione generale.

È dalla provincia di Cosenza che parte l’azione di rinnovamento, che ha visto come primo atto la nomina di Annalisa Alfano nuova segretaria provinciale. La stessa, di concreto con la direzione generale, ha, nei gironi scorsi, nominato i nuovi referenti dei diversi Dipartimenti, parte integrante dell’opera politica di IdM. La prima nomina è stata quella del vicesegretario provinciale, indicato nella persona di Gabriele Iazzolino. Il quale, nella riunione di conferimento del suo ruolo, ha ribadito il valore dell’Autonomia su cui si fonda L’Italia del Meridione ed è alla base della propria tradizione politica, concretizzatasi nella nascita del ‘Progetto civico Democratico’ e che, negli scorsi mesi, è confluito in IdM. “Le radici della cultura autonomista – ha sottolineato il neo eletto – che ha attraversato mille tempeste della storia senza rinnegare se stessa, anche quando tutto sembrava andare nella direzione contraria, e quelle della cultura popolare, che ha saputo costruire l’edificio della coesione e della giustizia sociale senza intaccare, anzi incrementando, le libertà, ha definito il nostro destino”.

Ed ha aggiunto: “Due grandi tradizioni politiche unite per continuare il lavoro che da anni svolgo per l’Autonomia, per dare una casa comune alla nostra gente, con senso di responsabilità, per continuare a far crescere in modo equo i nostri territori, dalle città alle più piccole vallate”. Un focolare – ha concluso Iazzolino – accogliente, al tempo stesso antico e nuovo, che guarda alla modernità con convinzione, perché sicuro della propria identità e dei valori su cui si fonda. Perché qui non si parla solo di programmi ma di ideali, di visione, di prospettive, di ciò che le nostre comunità cercano”.

Da parte sua la segretaria provinciale, Annalisa Alfano, ha evidenziato come la mancanza totale di strategie, l’indecisione di prendere in considerazioni risoluzioni forti e reali, hanno rilevato un vuoto politico profondissimo, evidenziando un distacco totale dalla politica da parte dei cittadini. Ed è qui che IdM ha concentrato l’attenzione, nel riempire quei vuoti di contenuti, idee e azioni e soprattutto di rispondere alle infinite richieste inascoltate con soluzioni e programmi concreti.

“La formazione della direzione provinciale, ha il compito d’indirizzo e programmazione dell’intera segreteria provinciale – afferma Alfano – ed è il primo passo dei tanti che abbiamo intenzione di compiere. Ho l’onore – ha aggiunto – di essere affiancata da una squadra, composta da profili di alto spessore, di cui sono particolarmente orgogliosa. Sono fortemente convinta che, insieme, daremo un contributo determinante allo svolgimento di tutte le attività di Italia del Meridione. Ringrazio – conclude la segretaria della provincia di Cosenza – la direzione provinciale IdM appena nominata, per la disponibilità e il grande entusiasmo manifestati. Ora, non ci resta che lavorare con l’impegno e la passione che da sempre caratterizzano Italia del Meridione”.

Un atteggiamento positivo, propositivo, costruttivo e aggregante, condiviso da tutti coloro che hanno accettato di impegnarsi, con grande senso di appartenza e di responsabilità. All’unisono hanno espresso la necessità di farsi interprete di battaglie politiche divenute urgenti e imprescindibili, in particolare modo, per recuperare il valore della politica come azione, militanza e formazione delle classa dirigente.
IdM non può essere un traguardo ma un punto di partenza che coinvolga i tanti movimenti territoriali e le parti attive di un luogo, che si ritrovano in una condivisione d’intenti e obiettivi.

La sfida è abbattere il centralismo statale che isola le periferie, le piccole comunità e assegnare agli enti locali un ruolo di maggiore rilevanza nei processi decisionali, partendo da quella grande battaglia che il Movimento sta portando avanti da tempo: il ripristino delle Province storiche. Quest’ultimo sarà argomento di un incontro promosso da IdM, che si terrà il 27 maggio, presso la Sala degli Specchi della Provincia di Cosenza. A presiedere ai lavori la presidente della Provincia Rosaria Succurro, diversi rappresentati istituzionali e dirigenti del Movimento, consiglieri provinciali, mentre le conclusioni saranno affidate a Orlandino Greco. I nuovi vertici della direzione provinciale e delle neo elette figure della segreteria, saranno, invece, presentati in conferenza stampa a Rende, giorno 28 maggio, all’Hotel San Francesco.