Arriva il caldo, come aiutare cani e gatti?

Arriva il caldo, come aiutare cani e gatti?

Quando viene lanciata l’allerta ondata di caldo, non siamo gli unici a soffrirne. I nostri amici cani e gatti fanno fatica a sopportare temperature troppo elevate. Ma abbiamo la possibilità di alleviarli con pochi semplici gesti.

Come gli esseri umani, cani e gatti possono soffrire il caldo. Mentre la sudorazione è un modo relativamente efficace per abbassare la temperatura corporea, i nostri amici a quattro zampe non sono così fortunati. Hanno solo poche ghiandole sudoripare situate tra i loro cuscinetti. Non abbastanza per raffreddarli abbastanza. Ed è proprio attraverso la respirazione che regolano la loro temperatura. Un sistema che richiede uno sforzo dai loro cuori e costa loro un bel po’ di energia.

Pertanto, in caso di ondata di caldo, cani e gatti corrono soprattutto rischio di esaurimento. Possono anche sperimentare insufficienza respiratoria. Soprattutto i brachicefali, quegli animali con il naso schiacciato. E quelli con malattie cardiache sono a rischio di insufficienza cardiaca. Quando l’animale è confinato in uno spazio troppo caldo, rischia un colpo di calore che può persino provocarne la morte.

Il gatto meno sensibile del cane

Le origini desertiche del gatto, però, lo rendono un animale più adatto al caldo rispetto al cane. Quando le temperature aumentano, è quindi del tutto naturale che il gatto trascorra la giornata dormendo nel luogo più fresco che riesce a trovare. Grazie ad un particolare sistema urinario, è anche in grado di trattenere meglio l’acqua che beve. E può lavarsi di più per rinfrescarsi grazie alla saliva che poi si deposita sui capelli.

Per aiutare il tuo gatto a superare un’ondata di caldo, tuttavia, puoi:
– tenerlo al chiuso nelle ore più calde della giornata;
– fornirgli un angolo in una stanza ventilata o all’ombra;
– garantiscigli acqua fresca a disposizione e se il gatto è riluttante a bere, opta nella sua ciotola per il purè umido piuttosto che per le crocchette secche;
– immergi regolarmente la punta delle sue zampe in acqua dolce – se gli piace l’acqua;
– spruzzalo con un nebulizzatore o accarezzalo con un panno umido;
– offrigli il fresco di un ventilatore o di un condizionatore d’aria.
Alcuni consigli dedicati al cane
Per proteggersi dall’ondata di caldo, il cane ha a disposizione un’altra strategia: ansimare. Quando la temperatura aumenta, respira più velocemente per evacuare il calore in modo più rapido ed efficiente. Può anche, se è all’aperto, decidere di scavare una buca per sfruttare il fresco dello strato di terreno nascosto sotto il prato.

Se vuoi aiutare il tuo cane a superare un’ondata di caldo, puoi adottare più o meno le stesse strategie di un gatto. Senza dimenticare, inoltre:
– portarlo fuori negli orari più freschi: la mattina presto o la sera tardi scegliendo luoghi freschi per passeggiare come il sottobosco e le sponde di un ruscello;
– offrirgli il nuoto (gambe o tutto il corpo) in acqua fresca, avendo comunque cura di evitare shock termici;
per evitare di correre al sole:
– offrirgli di dormire su un tappeto rinfrescante o anche su un asciugamano bagnato;
– spazzolarlo regolarmente per permettere al suo pelo di svolgere al meglio la sua funzione termoregolatrice.

Anche se è allettante, evita di radere i tuoi animali

In caso di ondata di caldo, tuttavia, fai attenzione ad alcune idee sbagliate sui nostri cani e gatti. Così si potrebbe tendere a pensare che un cane o un gatto privato del pelo soffriranno meno il caldo. È sbagliato. I peli dei nostri amici a quattro zampe fungono da isolanti termici. Pertanto li proteggono anche dal calore estremo. E contro le scottature. Se il tuo animale domestico ha i peli lunghi, puoi considerare di tagliarli un po’ più corti.
Nota che un cane o un gatto che ansima costantemente, sembra avere difficoltà a respirare, perde l’appetito o sembra letargico e questo dovrebbe allarmarti. Sta chiaramente soffrendo, per il caldo… o per qualche altro disturbo. È meglio consultare immediatamente un veterinario.

Fonte: Aduc.It