50 anni Unical, anche il comune di Rende presente alla cerimonia

50 anni Unical, anche il comune di Rende presente alla cerimonia

L’assessora Petrusewicz: “Andreatta visionario. Voleva realizzare l’Università del Mediterraneo”
L’assessora Sorrentino: “sostenere nei fatti terza missione. Facoltà di medicina è l’esempio di come territorio e ricerca vadano di pari passo”

Anche l’amministrazione comunale di Rende, rappresentata dalle assessore Marta Petrusewicz e Lisa Sorrentino, ha presenziato all’inaugurazione del nuovo anno accademico dell’Università della Calabria che quest’anno è anche coinciso con il cinquantenario dell’ateneo di Arcavacata.

Marta Petrusewicz ha voluto ricordare la figura di Beniamino Andreatta: “un vero visionario, all’epoca. Aveva in mente di costruire l’università del Mediterraneo. Ricordo che appena completato in tempo record il polifunzionale, Andreatta invitò a parlare nell’anfiteatro le menti più attive anche del mondo arabo. Voleva un mediterraneo unito dal punto di vista universitario, orientato non verso la Spagna o il Portogallo, ma guardando all’area che avrebbe avuto maggiore sviluppo”.

La storica ha poi voluto sottolineare come la lectio del premio Nobel Parisi: “sia stata illuminante è provocatoria. Il fisico è partito dal fatto che la scienza non deve servire, ma è necessaria allo
sviluppo e all’avanzamento della cultura, della società e del benessere in sé. Per farlo ha parafrasato ciò che sosteneva Richard Feynman “La fisica è come il sesso: certo, può dare alcuni risultati pratici, ma non è per questo che la facciamo”. La scienza serve ed è sempre servita dalla notte dei tempi: prioritario in una qualunque società è familiazzaire tutti con essa. Dovere dello Stato è dunque finanziare la ricerca scientifica senza distinguere tra scienza e scienza applicata, sostenerla perché significa concorrere anche con essa alla pace”.

L’assessora Lisa Sorrentino ha poi aggiunto: “nei suoi primi cinquant’anni, l’Università della Calabria, chiave di volta per la formazione, la crescita, il cambiamento e la trasformazione sociale del nostro territorio, è riuscita a creare un tessuto sociale più dinamico, con più competenze a disposizione del territorio e di chi vi opera. Un ruolo apicale è stato riconosciuto alla Terza Missione e al dovere di applicare i saperi della ricerca per valorizzare la conoscenza prodotta nell’Università sul territorio. Come municipalità siamo e saremo sempre pronti a recepire la diffusione dell’innovazione e l’accesso alla conoscenza come contributo fondamentale al benessere collettivo e allo sviluppo economico, sociale e culturale delle comunità di riferimento soprattutto dinanzi alle impellenti e gravose sfide economiche, sociali e ambientali”.

“I rapporti tra Amministrazione comunale e Unical sono di fondamentale importanza, sia per la valorizzazione del le eccellenze presenti all’interno dell’ateneo di Arcavacata, ma anche per sostenere attraverso azioni sinergiche lo sviluppo strategico della nostra città. Sui grandi temi quali la creazione di una comunità digitale e resiliente, una mobilità sostenibile, le politiche per le nuove generazioni, l’inclusione, l’istruzione e la ricerca, siamo consapevoli di come i nostri soli sforzi non possano bastare. Serve una progettazione condivisa che determini quel cambio di passo necessario a far crescere la nostra regione e a determinare la costruzione di un futuro più equo e sostenibile.

Con l’avvio del corso di laurea magistrale a Ciclo unico in Medicina e Chirurgia Td (Tecnologie digitali) all’Università della Calabria, Rende e l’Università della Calabria possono indicare il cambiamento di rotta necessario a garantire il diritto costituzionale alla salute e di cura e quello all’istruzione, oggi ancor più minati da una crisi pandemica senza precedenti e da una vacatio politica evidente. Migliorare i servizi di assistenza alla cittadinanza significherebbe per la Calabria coniugare innovazione e ricerca.

Questa, nei fatti, ciò che dovrebbe essere lo spirito della terza missione: condivisione dei saperi e di buone pratiche, strumento di ascolto dei bisogni provenienti dal tessuto sociale, culturale e produttivo. Solo così sarà possibile ridefinire l’offerta formativa e la ricerca: promuovendo il confronto e la cooperazione tra tutti gli attori del territorio, creando una rete in grado di valorizzare le competenze e le conoscenze del singolo in relazione ai bisogni dei cittadini, delle istituzioni, delle imprese, delle associazioni. Auguri all’Università della Calabria, auguri a chi ancora crede nel potere della conoscenza e alla forza del cambiamento”, ha concluso Sorrentino.